AMBIENTE  -  studi e ricerche


La raccolta differenziata dei rifiuti organici – I sistemi ed i contenitori
A cura di
C. Francia, P.L. Spampinato

Data pubblicazione
01/04/2001

Prezzo
Associati: 
Non associati: € 15,00
Disponibile

Presentazione
La raccolta differenziata dei rifiuti organici si è sviluppata, sotto la spinta del Decreto Ronchi, in diversi ambiti, per raggiungere gli obiettivi fissati dal decreto stesso; tuttavia è proprio sulla raccolta dell’organico che si riscontrano i maggiori ritardi ed alcune difficoltà culturali e tecniche. La raccolta dell’organico dipende infatti dalla capacità di trattamento attraverso il compostaggio e dal mercato di utilizzo del compost (agricoltura, giardinaggio, recuperi ambientali). Per questo è necessario produrre compost di alta qualità, che altrimenti non potrebbe essere utilizzato che per la ricopertura delle discariche. Per raggiungere questo obiettivo, anche in base alle esperienze tecniche ormai consolidate, è necessario trattare un materiale organico di buona qualità, già nella fase di raccolta, in quanto le tecnologie più complesse di trattamento non possono produrre compost di qualità se l’organico non è pulito alla fonte. Per questo diventa fondamentale adottare sistemi di raccolta differenziata che puntino all’organico di qualità, sia attraverso un’ottimizzazione del sistema, sia attraverso una corretta pratica di conferimento del cittadino. Famiglie, ristoranti, centri di distribuzione alimentare, mercati e verde urbano rappresentano i principali canali di produzione dei diversi tipi di rifiuto organico, per i quali si sono sviluppate diverse tipologie di raccolta differenziata che utilizzano tipi di contenitori (bidoni, cassonetti, secchielli e sacchetti), che possono incidere oltre che sulla qualità dell’organico raccolto, anche sulle modalità operative e tecniche delle successive fasi di trattamento e preparazione del compost. Il presente studio sui sistemi e sui contenitori per la raccolta differenziata dei rifiuti organici in Italia è finalizzato a valutare gli aspetti economici e gestionali della raccolta dell’organico in rapporto ai sistemi di compostaggio. Si tratta di una delle prime indagini sul tema, mancando anche a livello internazionale dei riferimenti attendibili. Perciò è stata condotta una indagine su un campione di diverse aziende che sviluppano la raccolta dell'organico domestico e presso le grandi utenze. Nella prima parte dello studio si è sviluppata l’analisi della produzione dei rifiuti organici nel totale dei rifiuti solidi urbani. Nel secondo e terzo capitolo si è valutata l’attuale situazione della raccolta differenziata dell’organico in Italia e i sistemi di raccolta usati nonché i costi nelle diverse componenti: dalla raccolta all’impianto di compostaggio. Lo studio, a carattere indicativo, si ritiene possa essere un primo strumento di valutazione e di confronto e non vuole certo definire le metodologie migliori o ricercare le soluzioni più idonee; vuole solo essere uno strumento di prima analisi.

Argomenti
la produzione dei rifiuti organici negli RSU La raccolta differenziata dell’organico in Italia I sistemi di raccolta differenziata dell’organico I casi aziendali