news

30/05/2018 15.00 - Valutazione “Made Green in Italy”, in G.U. il regolamento attuativo

Promuovere l'adozione di tecnologie e procedure innovative in grado di garantire la sostenibilità di prodotti e servizi durante tutto il ciclo di vita. Questo uno degli obiettivi del “Regolamento per l'attuazione dello schema nazionale volontario per la valutazione e la comunicazione dell'impronta ambientale dei prodotti, denominato Made Green in Italy”, pubblicato con decreto del Minambiente 21 marzo 2018, n. 56, sulla G.U. di ieri, 29 maggio.
Il regolamento è previsto dall’art. 21, comma 1, della legge 28 dicembre 2015 n. 221 e, oltre a stabilire le modalità di funzionamento dello schema nazionale volontario, definisce anche il rilascio del logo “Made Green in Italy”.

Tra gli obiettivi dello schema e del regolamento, come descritto sul sito web del Minambiente, “rafforzare l'immagine, il richiamo e l'impatto comunicativo che distingue le produzioni italiane”, migliorare “la qualificazione ambientale dei prodotti agricoli” e “garantire l'informazione sulle esperienze positive”.

Il testo del decreto in G.U. è disponibile in allegato sul sito di QE.