news

11/05/2018 15.00 - Rifiuti, Arera: “Su tariffe e piani d’ambito validi vecchi criteri”

In attesa della chiusura del procedimento avviato con delibera 223/2018 in tema di tariffe e piani d’ambito, per i rifiuti si applicheranno le modalità precedenti alla legge 205/2017 che ha affidato all’Arera le competenze sul settore.
Lo precisa l’Autorità in una nota “al fine di garantire agli operatori e a tutte le parti interessate un quadro di regole certe e chiare”. Il regolatore spiega quindi che “continueranno ad applicarsi transitoriamente i criteri e le modalità operative disposti dalla disciplina previgente alla legge n. 205/17 con riferimento, in particolare, all'approvazione delle tariffe definite dall'ente di governo dell'ambito territoriale ottimale, o dall'autorità competente a ciò preposta, per il servizio integrato, all'approvazione delle tariffe definite dai gestori degli impianti di trattamento, nonché alla valutazione dei piani d'ambito”.
La delibera 223/2018 ha avviato un procedimento su quattro aspetti: definizione del metodo tariffario per la determinazione dei corrispettivi del servizio integrato dei rifiuti e dei singoli servizi che costituiscono attività di gestione; fissazione dei criteri per la definizione delle tariffe di accesso agli impianti di trattamento; modalità di approvazione delle tariffe definite dall'ente di governo d'ambito ottimale, o dall'autorità competente a ciò preposta, per il servizio integrato e dai gestori degli impianti di trattamento; verifica della corretta redazione dei piani d'ambito.