news

07/05/2018 13.10 - Idrico, Lario Reti investirà oltre 20 mln € nel 2018

Oltre 17 milioni di euro investiti nel 2017 e più di 20 mln € da impegnare nel 2018 per il potenziamento del servizio idrico, e in particolare della depurazione, nella provincia di Lecco. Questi alcuni dei numeri approvati dall’assemblea degli azionisti di Lario Reti Holding, al suo secondo anno di attività come gestore del Sii nell’Ato lombardo, che ha dato il via libera al Bilancio di esercizio 2017 e al Budget 2018.
Nel corso di questo anno, la società prevede di aumentare del 15% la quota pro-capite destinata agli investimenti che sarà pari a circa 70 € per abitante “superiore al doppio del dato nazionale”, spiega una nota, pari a 31 € per abitante. Per quanto riguarda i dati economici, il 2017 si è chiuso con 49,6 mln € di ricavi e un utile di 6,4 mln € cifra, quest’ultima, condizionata positivamente dall’apporto dei dividendi erogati dalle controllate Acel Service e Lario Reti Gas e dalla partecipata Aevv Energie per un totale di 4,6 mln € (al lordo della componente fiscale).

L’ok ai risultati 2017 è arrivato anche dall’assemblea dei soci di Acquedotto del Fiora con 106,4 mln € di ricavi (stabili rispetto al 2016) e un utile di 7,2 mln € che verrà destinato per 5,2 mln € a riserva straordinaria e 2 mln € a dividendi ai Comuni consorziati. Sotto il profilo degli investimenti, l’azienda che serve l’Ato 6 “Ombrone” in Toscana, lo scorso anno sono stati superati i 27,5 mln € pari a più di 68 €/ab, destinati principalmente alle manutenzioni straordinarie su reti e impianti (70%) e alla realizzazione di nuove opere (30%).

Infine, la scorsa settimana anche l’assemblea dei soci di Romagna Acque ha approvato anche il bilancio 2017 condizionato, come spiega una nota, dalle difficoltà di approvvigionamento a causa della scarsità delle piogge e dell’aumento dei consumi che hanno portato la fornitura complessiva a 115,43 mln mc di acqua. Il valore della produzione è stato pari a 57, 3 mln €, mentre l’utile netto è di 4, 2 mln €: la parte destinata a dividendo è di 3, 9 mln € (circa 6 € per azione).