news

03/12/2018 16.00 - Tariffe idriche, via libera per Ireti e Smat

Con le delibere 616/2018/R/idr e 617/2018/R/idr del 27 novembre 2018 (pubblicate il giorno successivo) l’Arera ha approvato l’aggiornamento tariffario 2018-2019 proposto da Atersir per il gestore idrico Ireti, relativamente al sub ambito Reggio Emilia, e dall’Autorità d’ambito n. 3 Torinese per il “gestore virtuale” composto da Smat e dai Comuni di Fenestrelle, Perrero, Prali, Roure, Salza di Pinerolo, Vallo Torinese e Varisella.

Nel primo caso, scrive l’Autorità, a fronte degli obiettivi di qualità tecnica l’utility “ha pianificato per gli anni 2018 e 2019 ulteriori investimenti rispetto a quelli previsti in sede di prima predisposizione tariffaria, rideterminando in aumento il valore del rapporto tra il fabbisogno di investimenti per il quadriennio 2016-2019 e le infrastrutture esistenti”.

Nel secondo caso, invece, Arera ricorda che “la gestione del servizio idrico integrato è stata affidata per l’intero territorio dell’Ato 3 Torinese nel 2004 a Smat” ma che “la Conferenza dell’Autorità d’ambito ha espresso il consenso alla prosecuzione della gestione autonoma per i 7 Comuni” sopra citati.

In particolare, sono stati riscontrati “ritardi nella realizzazione degli interventi previsti per il periodo 2014-2017” e per questo motivo è stato chiesto all’Autorità d’ambito “di monitorare il recupero entro il 2019”, trasmettendo al Regolatore un’apposita relazione entro il 31 dicembre 2019.

Arera, infine, ha approvato anche la delibera 602/2018/E/idr del 27 novembre 2018 (pubblicata anch’essa il giorno successivo) che accoglie un’istanza di deroga “all'obbligo partecipativo alle procedure conciliative dinanzi al Servizio conciliazione, di cui al Tico, presentata dall'Ato centro-ovest Savonese per conto del gestore Ponente Acque”.

La richiesta dell’Autorità d’ambito, fatta d’intesa con le associazioni dei consumatori territorialmente competenti, deriva dal fato che “l’assetto gestionale del Sii sia interessato da processi di aggregazione in corso”. La deroga avrà termine il 31 dicembre 2019.