news

14/05/2018 15.00 - Sicilia, in vigore la l.r. sull’Autorità di distretto idrografico

Con la pubblicazione nella G.U della Sicilia n. 21 di venerdì 11 maggio (supplemento ordinario 1) è entrata in vigore la legge regionale di stabilità 2018 che all’articolo 3 istituisce l’Autorità di bacino del distretto idrografico regionale.
In particolare, si prevede che l’Autorità sorga come dipartimento della Presidenza siciliana, unendosi a quello per gli Affari extraregionali. Organi del nuovo istituto sono la conferenza permanente (che adotta gli atti di indirizzo), il segretario generale (che è il dirigente generale del dipartimento regionale Autorità di bacino), la conferenza operativa e la segreteria tecnica. È prevista, inoltre, la nomina di un comitato tecnico scientifico di supporto.
Tra i compiti della nuova Autorità di bacino, la difesa del suolo e la mitigazione del rischio idrogeologico, il risanamento delle acque, la manutenzione dei corpi idrici, la fruizione e la gestione del patrimonio idrico e la tutela degli aspetti ambientali nell’ambito dell’ecosistema unitario del bacino del distretto idrografico della Sicilia. Gli oneri finanziari sono stimati in 200.000 euro l’anno per il triennio 2018-2020.
Ammontano, invece, a 20 mln di euro i fondi previsti all’art. 99 della legge regionale per far fronte all’emergenza idrica della città di Messina, a valere sul Piano d’azione e Coesione - Poc 2014-2020.
All’art. 1, infine, si definiscono nel dettaglio alcune operazioni di liquidazione dell’Ente acquedotti siciliani, con la consegna di impianti e reti idriche ai Comuni interessati che dovrà essere completata entro il 31 ottobre 2018.
La Legge di stabilità 2018 della Sicilia è disponibile in allegato sul sito di QE.