news

10/05/2018 15.00 - Rifiuti, Alia conquista definitivamente maxi-gara Toscana da 5 mld €

Alia Servizi Ambientali si aggiudica definitivamente la maxi-gara da 5 miliardi € per la gestione integrata dei rifiuti ventennale in 70 Comuni nelle Province di Firenze, Prato e Pistoia.
Il CdS ha infatti respinto gli appelli di Sei Toscana e CoopLat contro l’aggiudicazione del bando alla società.
In particolare, spiega una nota degli studi Bucchi & Micalella e Lipani Catricalà & Partners che hanno assistito l’Ato Toscana Centro - il giudice amministrativo ha legittimato l’operato di Ato, la quale aveva escluso l’offerta delle appellanti in quanto redatta in palese scostamento dalle prescrizioni di gara.
“Non poteva, infatti – dice la nota - la stazione appaltante disapplicare ovvero non tenere conto di componenti dell’offerta che - pur qualificate (peraltro solo in sede di giudizio)  come ‘proposte migliorative’ - avrebbero comportato modifiche sostanziali delle condizioni e delle modalità di prestazione del servizio”. Il giudice ha dunque escluso la  possibilità per l’amministrazione aggiudicatrice di rettificare l’offerta formulata al fine di eliderne le componenti che presentassero discrasie rispetto alle regole fondanti della procedura.
Va sottolineato che le gare per l’affidamento della gestione rifiuti in Toscana sono state oggetto negli anni scorsi anche di vicende giudiziarie penali. In particolare, nel novembre del 2016 un’inchiesta della Procura di Firenze aveva portato a misure cautelari sull’ipotesi di turbativa d’asta e corruzione per il bando da 3,5 mld € dell’Ato Toscana Sud. Di recente, i consiglieri comunali M5S di Grosseto hanno addirittura chiesto la risoluzione del contratto di servizio per la gestione integrata dei rifiuti stipulato tra Ato e Sei Toscana il 27 marzo 2013, in attesa che arrivi la pronuncia della Cassazione sull’inchiesta.
La sentenza del CdS è disponibile sul sito di QE.