News

ARCHIVIO NEWS

Torna all'elenco
17/12/2021 00.00 - Radiocor
Recovery plan: intesa Ministero Economia-Guardia di finanza per tutela risorse

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Roma, 16 dic - Il ministero dell'Economia e delle finanze e la Guardia di Finanza hanno siglato un protocollo d'intesa con l'obiettivo di implementare la reciproca collaborazione e garantire un adeguato presidio di legalita' a tutela delle risorse del Piano nazionale di ripresa e resilienza. Il protocollo, firmato dal Comandante generale della Guardia di Finanza, Giuseppe Zafarana, e dal Ragioniere Generale dello Stato, Biagio Mazzotta, al Comando Generale del Corpo, muove dalla consapevolezza che un intervento dalla portata epocale, come il Pnrr, destinato a essere il volano per il rilancio e la crescita del nostro paese, richieda la piu' stretta sinergia tra le amministrazioni, in linea, peraltro, con quanto richiesto dalle norme europee. Il regolamento 241/2021 che ha istituito, a livello europeo, il dispositivo per la ripresa e la resilienza, prevede, infatti, che gli Stati membri debbano adottare ogni iniziativa utile a prevenire e contrastare i casi di frode, corruzione, conflitti di interesse e doppi finanziamenti, lesivi degli interessi finanziari dell'unione, anche mediante il potenziamento del proprio sistema nazionale antifrode. In tale ottica, il decreto legge 77/2021 ha disciplinato il sistema di governance del piano, prevedendo, da un lato, la costituzione, all'interno della Ragioneria Generale dello Stato e delle amministrazioni centrali chiamate a dare attuazione ai progetti e agli interventi, di organismi di audit e monitoraggio dedicati e, dall'altro, la possibilita', per queste ultime, di stipulare specifici protocolli d'intesa con il Corpo. Assume, dunque, in tale contesto, assoluto rilievo il ruolo della Ragioneria Generale dello Stato, con compiti di governo, monitoraggio e controllo dell'impiego delle risorse unionali, e della Guardia di Finanza, che ha, tra le proprie missioni istituzionali, la funzione di prevenire e reprimere gli illeciti ai danni della corretta destinazione delle risorse pubbliche. Quanto alle modalita' di collaborazione, e' sancita la condivisione - anche mediante l'interoperabilita' delle rispettive banche dati - di un importante patrimonio informativo, costituito da dati e informazioni sui soggetti attuatori, realizzatori ed esecutori degli interventi finanziati dal Pnrr. E' previsto, inoltre, che la Guardia di Finanza partecipi, con propri rappresentanti, alla cosiddetta 'rete dei referenti antifrode, istituita alla Ragioneria Generale e costituita da referenti della Ragioneria stessa e delle citate Amministrazioni centrali.