News

ARCHIVIO NEWS

Torna all'elenco
22/11/2021 00.00 - Quotidiano Energia
Camera, interrogazione sul servizio idrico in Emilia-Romagna


L'atto di LeU sulla proroga degli affidamenti ai gestori. La Regione approva la strategia di sviluppo sostenibile al 2030
Chiarire se il Governo "intenda valutare la sussistenza dei presupposti per l'impugnazione innanzi alla Corte costituzionale della legge regionale" n. 14 del 21 ottobre 2021 con cui l'Emilia-Romagna ha prorogato al 2027 gli affidamenti del servizio idrico, a eccezione di quelli dove sono in corso procedure di gara. Questa la richiesta fatta in un'interrogazione depositata da LeU alla Camera (primo firmatario Fassina, il testo in allegato sul sito di Quotidiano Energia).La Regione, intanto, ha approvato la Strategia per il raggiungimento dei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile definiti dall’Agenda Onu al 2030, elaborata in collaborazione con Asvis e in coerenza con il Patto per il lavoro e per il clima dell’Emilia-Romagna. Venerdì, infine, l’assessore regionale all’Ambiente, Irene Priolo, ha illustrato nel corso di un evento il piano di ricalcificazione del fiume Po a valere sui fondi Pnrr: ““Il Po è la più grande infrastruttura idraulica italiana, allo stesso tempo risorsa idrica e fonte di energia rinnovabile. Ora ci troviamo di fronte a una grande sfida, a un’enorme opportunità per la riqualificazione del nostro più importante fiume e non possiamo lasciarcela sfuggire. Per farlo stiamo mettendo in campo una visione di lungo termine che mette a sistema sicurezza idraulica, biodiversità, bellezza paesaggistica, turismo e mobilità sostenibile”.