News

ARCHIVIO NEWS

Torna all'elenco
10/01/2022 00.00 - Radiocor
Clima: slitta al 21 adozione atto Commissione su 'tassonomia', nodo valutazione impatto

L'adozione dell'atto delegato sulla tassonomia Ue per le

attivita' pro clima, centrato sul riconoscimento di nucleare

e gas quali attivita' per la transizione alla

decarbonizzazione slittera' di una settimana rispetto alla

data del 12 gennaio. Lo ha confermato il portavoce della

Commissione che ha spiegato come sia necessario dare piu'

tempo a disposizione dei governi per valutare la proposta

della Commissione europea. La data di riferimento adesso e'

il 21 gennaio. Il motivo vero dell'estensione del tempo a

disposizione e' che alcuni Stati hanno bisogno di piu' tempo

per valutare l'impatto delle condizioni restrittive

sull'ammissione della produzione di gas: tra questi Stati

c'e' l'Italia. Secondo calcoli del mondo industriale, date le

restrizioni previste dall'atto delegato potrebbero non essere

classificati come verdi investimenti per circa 10 miliardi.

L'ultimo giorno dell'anno la Commissione europea ha avviato

le consultazioni con il gruppo di esperti degli Stati membri

sulla finanza sostenibile e con la piattaforma sulla finanza

sostenibile sottoponendola bozza di testo di un atto delegato

complementare sulla tassonomia che copre determinate

attivita' nel settore nucleare e del gas. Si tratta del

sistema di classificazione per mobilitare gli investimenti

privati nelle attivita' che sono necessarie per raggiungere

la neutralita' climatica nei prossimi 30 anni: stabilisce le

attivita' nel campo dell'energia che consentono agli Stati

membri di raggiungere la neutralita' climatica partendo da

posizioni diverse. Bruxelles, come e' noto da diversi mesi,

ritiene che il gas naturale e il nucleare hanno un ruolo come

fonti di energia che facilitano la transizione verso un

futuro basato prevalentemente sulle rinnovabili. La loro

classificazione nella tassonomia pero' viene subordinata a

condizioni chiare e rigorose; per esempio, il gas deve

provenire da fonti rinnovabili o produrre basse emissioni

entro il 2035, considerando in particolare il loro contributo

alla transizione verso la neutralita' climatica. Per

garantire la trasparenza la Commissione modifichera' l'atto

delegato relativo all'informativa sulla tassonomia, in modo

che gli investitori possano stabilire se e in quale misura le

attivita' riguardano il settore nucleare o del gas, e fare

cosi' una scelta informata. Le attivita' coperte da questo

atto delegato complementare, ha indicato la Commissione,

'accelererebbero l'abbandono graduale delle fonti piu'

dannose, come il carbone, a favore di un mix energetico piu'

verde e con meno emissioni'.

 

Dopo l'adozione dell'atto da parte della Commissione, questo

sara' trasmesso ai colegislatori: come per il primo atto

delegato sugli aspetti climatici della tassonomia Ue, il

Parlamento europeo e il Consiglio (che hanno delegato alla

Commissione il potere di adottarlo), disporranno di quattro

mesi per controllare il testo ed eventualmente sollevare

obiezioni. Potranno avvalersi di altri due mesi, previsti dal

regolamento Tassonomia, per prolungare il periodo di

controllo. Il Consiglio avra' il diritto di opporsi all'atto

delegato con voto a maggioranza qualificata rafforzata

inversa (il che significa che dovra' essere contrario almeno

il 72 % degli Stati membri, cioe' 20 Stati membri, che

rappresenta almeno il 65 % della popolazione Ue) e il

Parlamento europeo con voto a maggioranza della plenaria

(vale a dire almeno 353 deputati).

 

Una volta terminato il periodo di controllo e supponendo che

nessuno dei colegislatori sollevi obiezioni, l'atto delegato

(complementare) entrera' in vigore e si applichera'.

 

La Francia (nuclearista) sostiene l'atto comunitario; la

Germania e' attesa astenersi data la posizione dei Verdi

negativa. Contrari perche' prevede un ruolo al nucleare

Austria e Lussemburgo. L'Italia e' oltremodo favorevole a

riconoscere il gas naturale quale fonte di transizione

tuttavia sta verificando l'impatto sulle attivita' relative

particolarmente pesante