News

ARCHIVIO NEWS

Torna all'elenco
17/12/2021 00.00 - Radiocor
Vertice Ue: Europa divisa sull'energia, il no di Scholz e dell'Est - FOCUS

I 27 divisi nonostante nessuna decisione sostanziale in gioco
(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Bruxelles, 17 dic - E' stato il tema dell'energia a dividere i Ventisette che alla fine, dopo diverse ore di discussione sulla composizione dei messaggi conclusivi del Consiglio europeo hanno preferito rinviare la 'palla' a marzo 2022. Il fatto curioso e' che non fossero chiamati a prendere decisioni, a dimostrazione dell'estrema sensibilita' e diversita' degli interessi in gioco: dalla scelta del mix energetico compreso il nucleare alla valutazione del funzionamento del mercato per quanto concerne i prezzi dell'elettricita' e al funzionamento del mercato degli scambi dei permessi a inquinare Ets. Interessi che si intrecciano saldamente alle visioni sulle relazioni da mantenere con la Russia, oggi al centro delle preoccupazioni per il temuto - ma finora non avvenuto - intervento militare in Ucraina. Il blocco sul tema energia e' dipeso da due no incrociati: un no tedesco e un no polacco-ceco. Il neocancelliere Olaf Scholz non voleva (poteva) accettare riferimenti alla 'tassonomia' Ue nella quale la Commissione si appresta a includere nucleare e gas: a governo appena formato, rientrare a Berlino con la 'firma' sul via libera al nucleare sarebbe stato un boccone indigeribile per i Verdi, che fanno parte della coalizione di governo. Il premier polacco Tadeusz Mazowiecki ha dichiarato da tempo 'guerra' al sistema Ets considerandolo un canale per le speculazioni sui prezzi del carbonio e contesta buona parte delle scelte per la stretta sulle emissioni entro il 2050 ('pacchetto Fit for 55'). Il premier ceco Andrj Babis, al suo ultimo vertice europeo dopo la sconfitta elettorale, gli ha dato manforte. Utile ricordare che l'intransigenza polacca sull'energia si manifesta nel pieno dello scontro con la Ue sul rispetto dell'indipendenza dei giudici, alla base dello stallo sull'erogazione del prefinanziamento del piano nazionale di ripresa e resilienza.