AREA COMUNICAZIONE

Rassegna stampa

in collaborazione con P. Review

Consulta la rassegna
21/01/2022 - LA PROVINCIA DI COMO
Acsm-Agam punta forte sul green Via libera a investimenti per 457 milioni

Acsm-Agam Spa: previsti investimenti per 457 milioni di euro, il 67% saranno legati a obiettivi di sostenibilità, dalla riduzione delle perdite delle rete idrica alla mobilità elettrica. Il cda ha approvato ieri il Piano Industriale 2022-2026 del Gruppo seguendo il modello dello sviluppo sostenibile: transizione energetica, economia circolare, digitalizzazione e sostenendo investimenti carbon free finalizzati al raggiungimento degli obiettivi prefissati con risparmi misurabili nella riduzione delle emissioni Co2, circa 380 k ton di emissioni evitate e integrati nel Piano come KPI di sostenibilità. Il tema Il Piano prevede investimenti per 457 milioni di euro, il valore dei progetti green è pari a 397 milioni di euro, di cui 307 milioni di investimenti riferiti al Gruppo e 90 milioni riferiti a interventi di efficientamento e riqualificazione energetica presso terzi: «La sostenibilità è il valore chiave del Piano Industriale 2022-2026 che conferma ancora una volta l' impegno del nostro Gruppo nella transizione energetica, nell' economia circolare e nella digitalizzazione - hanno sottolineato Marco Canzi e Paolo Soldani, rispettivamente presidente e amministratore delegato di Acsm Agam - Ben il 67% degli investimenti in arco piano è destinato ad attività correlate a obiettivi per lo sviluppo sostenibile, perché servono progetti concreti per contribuire al taglio delle emissioni entro il 2030 e al raggiungimento della neutralità climatica che tutti i Paesi dell' Unione europea hanno come obiettivo entro il 2050. Sempre mettendo al primo posto la generazione di valore per i territori in cui operiamo e dei quali siamo espressione». La business unit Ambiente prevede nuovi impianti di trattamento e il potenziamento di quelli esistenti in termini di riduzione di emissioni e sviluppo nella raccolta. La business unit Energia e Tecnologie smart si focalizzerà sullo sviluppo del teleriscaldamento con nuovi progetti sui territori, il proseguimento degli interventi di riqualificazione ed efficientamento energetico di illuminazione pubblica e mobilità elettrica, lo sviluppo di nuovi impianti di distribuzione Multi Fuel (GNL, Biogas, ricarica elettrica) e il potenziamento in generale dei servizi. La business unit Reti prevede un profondo rinnovamento infrastrutturale con efficientamento di reti e impianti idrici con l' obiettivo di ulteriore riduzione delle perdite, elettrici e gas, con rinnovo parco misuratori anche in ottica smart meter. La business unit Vendita pone al centro il cliente puntando all' omnicanalità del servizio con sviluppo sul territorio e sul web con attenzione anche alla digitalizzazione e dematerializzazione delle bollette e con l' estensione dei servizi Vas (Value Added Services). Smart e green Progettualità Smart & Green anche per interventi rivolti alla riqualificazione energetica degli edifici e al rinnovamento degli spazi di lavoro, alla conversione elettrica della flotta aziendale con installazione di colonnine presso le sedi. Previsti importanti investimenti ITC rivolti alla digitalizzazione e alla robotizzazione dei processi aziendali. In incremento i principali risultati economico/finanziari: Ebitda 2026 previsto a 104,7 milioni di euro, EBIT previsto a 39,9 milioni di euro nel 2026 e previsto anche un rapporto PFN/Ebitda a 2,6 e Leverage a 0,5. Il Gruppo prevede un pay out medio in arco piano attorno all' 80% del risultato netto.